General Motors: Blockchain e Autovetture Autonome
General Motors: Blockchain e Autovetture Autonome

Il titolo deve aver scatenato una serie di pensieri pazzi ma innovativi nella tua testa. Se ti capita di essere a conoscenza della tecnologia blockchain, ti starai chiedendo se un’automobile che guida da sola aggiungerà blocchi nella catena per suonare il clason o meno. Bene, ci sono cose più importanti da gestire qui.

Questo brevetto consentirebbe alla General Motors di ottenere, gestire e archiviare i dati di auto a guida autonoma su una blockchain in modo decentralizzato. Se non si è a conoscenza della tecnologia, tenete presente che consente di archiviare le informazioni su una serie di nodi, pur mantenendo i massimi standard di immutabilità e privacy. Pertanto, serve come modello perfetto per autovetture autonome che richiedono l’integrità incondizionata dei dati.

General Motors descrive anche il flusso esatto e completo attraverso il quale i dati sarebbero generati e archiviati, assicurando che solo gli utenti autorizzati sulla rete possano visualizzarli – quindi, costituire una blockchain privata (permissioned).

Uno degli elementi fondamentali delle autovetture autonome è il sistema di navigazione. A tutt’oggi, abbiamo diverse app di navigazione per diversi sistemi operativi. Tuttavia, se tutti i dati di navigazione sono inseriti in un blockchain ledger, nessuno avrebbe l’autonomia e le informazioni saranno interoperabili. Ma questo è uno tra una varietà di casi d’uso presentati nel brevetto.

Gli utenti sono inoltre liberi di ottenere informazioni sulle stazioni di rifornimento (o stazioni di ricarica per le auto elettriche) e altre importanti indicazioni che un viaggiatore potrebbe desiderare di sapere durante un viaggio.

Permetterebbe inoltre alle autorità di emissione di biglietti di caricare le informazioni pertinenti su un libro mastro pubblico, incoraggiando quindi un ambiente trasparente e affidabile. Inoltre, diversi fornitori di servizi, in base al loro livello di autorità, possono anche fornire informazioni sullo storico dell’auto. Quindi, diciamo che se l’utente A vuole acquistare un’auto a guida autonoma usata, non deve fare affidamento sulla correttezza del venditore. Basta cercare sulla blockchain e ogni singolo dettaglio verrà presentato in pochi clic.

Roxana Florea

Roxana è la co-fondatrice di Blockchain Flash News. Appassionata di blockchain e criptovalute, mira ad aiutare le aziende blockchain ad aumentare la visibilità nel mercato attraverso l'implementazione di strategie di crescita sui social media.

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement